Disegnare con la tempera

Fabriano ha pensato di farvi compagnia, in questo momento delicato per tutti noi. 

Restare a casa è un dovere di tutti, ma possiamo trasformarlo anche in un piacere: chi ha detto che a casa ci si annoia?

Noi pensiamo che la fantasia può uscire di casa e portarci in mondi fantastici, rimettiamoci in contatto con lei e cominciamo a disegnare!

Abbiamo pensato di proporvi dei semplici tutorial, uno a settimana, che potranno farvi riscoprire cose che già conoscevate ma non avevate mai approfondito o darvi delle informazioni nuove per esprimere la vostra creatività.

Siete pronti? Cominciamo!
 

Partiamo dal tutorial su una delle tecniche pittoriche più antiche, la TEMPERA.

Sai perchè si chiama così? Perchè un tempo si "temperavano" ovvero si mischiavano assieme pigmenti colorati con tuorlo d'uovo o acqua.

Cosa occorre:

-foglio liscio, su cui sarà più facile rendere i dettagli

-pennelli, la cui punta può essere di diverse misure, in base agli effetti che si vogliono ottenere sul foglio

-tubetti di tempera nei colori primari giallo, ciano e magenta

-acqua per pulire i pennelli

-piatto per distribuire e dosare la tempera

 

Da sapere:

- poca acqua nel pigmento -> colore compatto 

- molta acqua nel pigmento -> effetto simile all'acquerello, per realizzare graduali passaggi cromatici

 

Per ottenere diversi effetti:

se parti dai colori primari giallo, ciano e magenta, per la sintesi sottrattiva potrai ottenere qualsiasi altro colore miscelando sulla tavolozza due o tre di questi pigmenti.

- per ottenere una tinta più chiara -> aggiungi del bianco

- per ottenere una tinta più scura -> aggiungi del nero

 

Attenzione! Per passare da un colore all'altro, sciacqua il pennello nel bicchiere d'acqua, che va cambiata spesso

 

Sei pronto per provare?

Buon disegno!